Social Facebook Social Pinterest Social Twitter

Marketplace – Apri il tuo shop di successo

Marketplace o shop online tutto mio? Questo è il dilemma!

Per molte la prima opzione risulta la più immediata, quella meno carica di rischi, quella che appare ideale, almeno per iniziare.

Ma i dubbi sono sempre comunque tanti, così noi abbiamo interpellato Sara, community manager di A Little Market, nostro partner in diverse occasioni (Il Mondo Creativo, Craftiamo..).

Sarà la nostra Esperta del Mese che ci saluta regalandoci questo primo post davvero ricco di preziosi consigli; da Giovedì sarà poi possibile scriverci tutte le domande che vi vengono in mente e Sara risponderà a tutti in un post che pubblicheremo a fine mese.

La parola a Sara!

Ciao sono Sara, community manager di a little Market Italia.

A little Market è una piattaforma di vendita online che mette in contatto gli acquirenti con i migliori oggetti fatti a mano in Italia da una vivida comunità di creatori talentuosi.

Mi piace definirmi “innaffiatrice di sogni possibili” e sono soddisfatta quando scovo nuovi mondi creativi e li accompagnò a trovare il loro “abito migliore” .

Mi occupo di seller education con studio e passione e oggi voglio presentare un breve decalogo per crearsi un brand di successo e farlo decollare.

Voglio subito sfatare un luogo comune: per avere credibilità e quindi successo in qualsiasi piattaforma di vendita on line NON BASTA pubblicare 20 prodotti con foto scarse, buie, con watermark e descrizioni copia incolla.

Aprire e gestire uno shop on line richiede studio, cura e costanza.

Io parlo di FASE EMBRIONALE di apertura di uno shop che, se seguita con attenzione e intenzione, farà svoltare la riuscita del tuo biz ma richiede tempo.

Perciò prenditi il tempo per:

  1. Capire il tuo cliente tipo:  creati in testa esattamente com’è, cosa fa, come e dove vive, perché sceglierebbe proprio te, cosa fa nel tempo libero, che stile predilige, che colori, che materiali…CREA QUINDI UNA BOUTIQUE A SUA MISURA (user friendly in gerghese), che lui possa trovare facilmente digitando le parole chiave sia all’interno del sito di Alm o di un’altra piattaforma  che  su Google. Cerca il tuo shop come lo cercherebbe lui!

 

  1. Scegli il tuo nome ( la tua identità on line )Ispirati a canzoni, libri, fumetti, personaggi, aneddoti o altro che richiami la tua personalità, l’atmosfera che vuoi evocare nel tuo shop e il target di clienti che vorresti attrarre. Scegli un nome ORIGINALE, BREVE E FACILE da RICORDARE e da trovare poi all’interno del sito stesso ma anche in ogni luogo social e comunitario che intenderai usare ed affiancare al tuo shop. Se difetti di fantasia o nulla ti convince o senti tuo, USA il TUO NOME E COGNOME.Il nome scelto diventerà il tuo MARCHIO, non dovrà essere troppo generico o troppo comune MA fantasioso ed originale. Sii lungimirante:  ti dovrà rappresentare NON SOLO ORA ma anche in futuro, assecondando le giuste evoluzioni di produzione che la vostra boutique avrà!

 

  1. Cura L’IMMAGINE COORDINATA: Scegli bene il logo e il banner che vuoi parli di te: restituirà graficamente subito il mood , la temperatura del tuo shop on line. Il logo diventerà il tuo avatar,  ti renderà riconoscibile perciò scegli: o di metterci la faccia: una bella foto in primo piano o un simbolo grafico, un character, un monogramma o una sigla, da riprendere poi nel banner e sarà la base di tutta la tua IMMAGINE COORDINATA; IL BANNER è la tua insegna, è il riflesso del tuo universo creativo: deve catturare SUBITO l’attenzione e far SUBITO capire al cliente ideale di che si tratta perciò tanta pazienza e scegli bene la tua palette di colori perfetta, il font preferito e più adatto e studia un piccolo “SLOGAN” o “mantra” che ti presenti e orienti subito il tuo cliente.

 

  1. Lo storytelling è fondamentale: La DESCRIZIONE di un prodotto deve essere scritta PER IL CLIENTE deve essere semplice, utile ed esaustiva: descrivere funzioni, specificità, materiali, colori, utilizzi, misure, destinatario, occasione d’uso, suggerimenti di stile, differenze rispetto ad altri prodotti simili, deve spiegare che benefici e vantaggi porta al cliente comprare quel prodotto , contenere le parole chiave giuste, deve essere unica e rinnovata anche per prodotti diversi solo per colore

 

  1. Le foto sono tutto: Non c’è scampo…in una vetrina ON LINE le foto sono TUTTO, fanno la differenza, qualificano lo shop, convincono il cliente e ti rendono “esemplare” sia per la promozione interna che esterna al sito ( vedi riviste specializzate, blog, magazine ecc .). Non si nasce imparati dicevano, e con la fotografia è ancora più vero, PERO’ SI PUO’ E DI DEVE MIGLIORARE! Tutto parte da uno studio: NON CI SI IMPROVVISA! Le nostre foto prodotto devono regalare un’atmosfera, un’idea, un contenuto emotivo…devono creare IL DESIDERIO di quell’oggetto!

 

  1. La cura del cliente: Il customer care è parte costitutiva di ogni business e può diventare addirittura la variabile che permette di distinguere il vostro lavoro in mezzo a tanti prodotti simili. Quando il contatto con il cliente avviene online questo aspetto diventa profondamente rilevante: venendo a mancare, infatti, il contatto dal vivo, è necessario dedicare attenzione e cura maggiori ad alcuni aspetti affinché la nostra presenza sia profondamente percepita. Prima della vendita la cura sta nelle descrizioni prodotto e nelle condizioni di vendita dettagliate e perciò rassicuranti. Durante la vendita la gentilezza paga, così come offrire personalizzazioni e corredare il pacco del prodotto con un omaggio o un biglietto scritto a mano. Dopo la vendita la cura sta nel packaging curato, personalizzato; nel numero di traccino della spedizione e nel rispondere con gentilezza alle valutazioni, anche quando negatived adoperarsi per soddisfare qualsiasi cliente, anche il più tedioso.

 

  1. Cura la SEO: SEO significa infatti ottimizzazione per i motori di ricerca: è un’attività ricca che comprende lo studio delle parole chiave, la risoluzione dei problemi tecnici di indicizzazione, l’ottimizzazione del title e dei meta dati, l’organizzazione e la scrittura dei testi e infine lo studio e il miglioramento della link popularity.

 

Qui 10 consigli per migliorare le vostre schede prodotto dal punto di vista SEO, ovvero per renderle facili da trovare su Google della nostra amata Tatian Schirinzi

 

  1. Dai il prezzo giusto al tuo lavoro: Fissare correttamente i prezzi può sembrare la cosa più difficile della messa in vendita, ma si tratta di una tappa fondamentale per lo sviluppo della tua attività e non può essere improvvisata . Prima di definire il prezzo occorre
  • osservare il mercato: gli altri shop che vendono articoli più o meno simili ai tuoi, quanti articoli hanno venduto, a che prezzo rispetto al tuo, con che spese di spedizione.
  • capire dove ci si posiziona nella mente dei consumatori rispetto alla concorrenza secondo diversi criteri (prezzo, immagine, caratteristiche e servizi)
  • potersi definire rispetto al proprio segmento di mercato (primo prezzo, lusso , tradizionale, innovativo, per bambini ecc.)

      Definire il prezzo: le tappe essenziali 

La prima cosa che devi fare è coprire le tue spese, compreso il valore del tempo che hai dedicato al lavoro. Poi, potrai aggiungere il tuo margine commerciale ed ottenere così il prezzo di vendita.

      Il prezzo finale deve includere:

  • Il prezzo delle materie prime utilizzate per la fabbricazione dell’articolo (forniture creative, packaging, imballaggio e protezione…)
  • Le spese annesse come le spese di spedizione se non offri la consegna gratuita.
  • Le tue spese:
    • Ammontare approssimativo della provvigione A little Market (calcolata in base al prezzo di vendita)
    • Ammontare approssimativo delle spese di transazione bancarie e spese Paypal
    • Il valore del tuo lavoro (mano d’opera): si tratta del tempo dedicato alla progettazione e realizzazione del tuo articolo fino alla messa online.  Questo è il salario che ti concedi.

 

  1. Sii Social: Non basta aprire uno shop on line su una qualsivoglia piattaforma per vendere. Fondamentali  tutti i punti analizzati finora insieme: monitorare il proprio lavoro, aggiornare la vetrina della boutique costantemente, curare il Seo nelle descrizioni e nei titoli, fare ottime e studiate foto MA nessuno scoprirà che esistiamo se non ci promuoviamo.

         + VISIBILITA’+ TRAFFICO AL TUO SHOP + VENDITE + SOCIAL userai + sarai riconosciuto ma soprattutto riconoscibile + VISUAL CONTENT + IMMEDIATEZZA: 

Il 65% della popolazione mondiale è VISIVA: dopo tre giorni ricorda di più una foto che un messaggio: una foto dice più di mille parole e viene condivisa di più. Parti sempre dal tuo pubblico reale o            ideale che sia e ricordati cosa piace ai tuoi clienti,fedeli o potenziali e condividi qualcosa ogni giorno con loro, così inizierai a FARE       NETWORKING, a crearti una tua rete e una tua  community. I social sono i luoghi perfetti per creare un ritmo quotidiano di condivisione, parlano di te, ti colorano, sanno di ciò che ti ispira o ti stupisce. I social sono: UNA RISORSA arricchiscono ciò che fai, lo qualificano, lo valorizzano e TI DIFFERENZIANO da un tuo competitor. UN VEICOLO di connessioni con altri makers e successivamente di felici collaborazioni creative. A COSTO ZERO ( o quasi) e richiedono SOLO pianificazione e costanza IL TUO FEEDBACK più immediato: confrontati con i tuoi followers, lancia loro una richiesta, uan call to action su un tuo nuovo progetto, su un nuovo colore o materiale scelto e avrai RISPOSTA IMMEDIATA LA TUA SEMINA come ci suggerisce il prezioso Kleon IL LINGUAGGIO tipico della nostra cultura di consumo sia di prodotti che di informazioni. IL TUO OUTFIT: attraverso i social presenti i tuoi gusti, la tua personalità…la tua immagine lavorativa e ti rendi accattivante IL TUO BACINO DI CLIENTI Se i clienti sono soddisfatti di te funzionerà la miglior pubblicità, il passaparola: parleranno della loro esperienza sui social network, facendo così girare il tuo nome e il tuo shop.

 

  1. Aggiorna costantemente il tuo e fai una revisione annuale: Il percorso conta più del risultato, PERCHÈ IL PERCORSO, se vi fissate degli obiettivi intermedi, degli step incrementali, può essere monitorato e quindi riaggiustato, ridefinito, riformulato. PIANIFICARE PER MONITORARE questo è il segreto. Segnati i tuoi guadagni, le tue uscite, le tue perdite…MA ANCHE i tuoi margini o ancore di salvataggio, le tue boe d’emergenza diciamo. Quale prodotto ha funzionato di più? come gestire i prodotti fuori stagione o di fine collezione?

 

Cura il tuo shop come se fosse il tuo giardino e sono certa che fiorirà!

phonto

 

Fonti:

le due sezioni del sito in cui mi occupo di seller education per approfondire:

A little Lab e I consigli del team

 

Vi aspettiamo da domani per il nostro “Chiedilo all’esperto”!

3 ottobre 2016

Iscriviti alla newsletter

Accetto la policy privacy

0 Giudizi su Marketplace - Apri il tuo shop di successo"

Lascia un Messaggio

BF Servizi s.r.l. Via A.Maserati 18 - 40128 Bologna - Tel. +39.051.282811 - Fax +39.051.282810 | C.F. e P.Iva:03821790379 | Cookies | Privacy Policy | Note legali
Vai alla barra degli strumenti